little black dress

LITTLE BLACK DRESS: A CIASCUNA IL SUO

Qual è quel capo di abbigliamento che ci salva da ogni situazione e che ogni donna ha (o, almeno, dovrebbe avere) nel suo armadio? Proprio lui: l’abitino nero, noto anche come little black dress.

È come una tela immacolata da dipingere e personalizzare con colori, gioielli, accessori e tutto quello che può farci sentire perfette per l’occasione in cui lo sfoggeremo. Se pensiamo a tutte le attrici che ne hanno sfoggiato uno, probabilmente il nostro primo pensiero va ai bellissimi e iconici modelli indossati da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, creati per lei da Monsieur Givenchy in persona.

Ma, si sa, non tutte abbiamo un amico stilista che crei pezzi unici apposta per noi. È per questo che il tubino va scelto con attenzione, rispettando innanzitutto tre parametri:

  • Età. Non è necessario scoprire tanti centimetri di pelle per sembrare delle ventenni o apparire attraenti. Il tempo passa e il corpo cambia; usare i vestiti in modo strategico è essenziale.
  • Occasione. Siamo state invitate ad una cena elegante o ad un aperitivo informale? L’occasione influenza la scelta, soprattutto con riferimento agli accessori che andranno ad arricchire il look.
  • Contesto. Ci sono luoghi in cui il tubino nero sembra la scelta migliore e luoghi in cui, forse, è meglio indossare altro perché l’ambiente è fin troppo casual. Anche in questo caso, però, va prestata particolare attenzione ai dettagli: abbinare un dettaglio casual o sportivo può decisamente sdrammatizzare l’outfit.

Definiti questi punti cardine, inizia la ricerca del little black dress perfetto, ovvero di quel vestito che vi farà sentire bellissime, sempre a vostro agio e sicure di voi stesse. Ciò significa che l’abito dovrà essere adatto alla forma del vostro corpo.

Vediamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche del vestito giusto per ogni tipologia di fisico.

little black dress

Clessidra. In teoria potrebbe permettersi di indossare qualsiasi modello, in pratica dà il meglio di sé quando accende i riflettori sul suo punto vita e le curve armoniose. Modelli top: tubino classico e wrap dress. Il consiglio in più: lo scollo a V aiuta ad allungare la figura e a valorizzare il seno.

little black dress

Triangolo o pera. L’obiettivo per la donna triangolo è distogliere l’attenzione dai fianchi, spostandola verso il punto vita ben segnato, e riportare l’equilibrio nella figura aggiungendo volume nella parte superiore. Modelli top: abiti dalla linea svasata e morbida con dettagli, volumi e rouches solo sopra. Il consiglio in più: no alle stoffe rigide per la parte inferiore perché, poggiando sui fianchi senza seguire le forme, ne aumenterebbero la larghezza.

little black dress

Triangolo invertito o fragola. Chi ha queste forme spesso è in difficoltà quando cerca abiti che rendano il corpo più femminile e vestano bene i fianchi. L’obiettivo, in questo caso, è duplice: minimizzare l’ampiezza delle spalle e creare l’illusione di fianchi proporzionati. Modelli top: abiti con la vita alta e la gonna semirigida e modelli peplum con baschina ampia. Il consiglio in più: Attenzione alle spalline: troppo ampie o troppo sottili rischiano di mettere in evidenza le spalle!

little black dress

Rettangolo o banana. La silhouette longilinea della donna rettangolo può piacere oppure no. Pertanto gli obiettivi del camouflage andranno in due direzione opposte: seguire la linea snella e atletica oppure “aggiungere” le curve nei posti giusti. Modelli top: abiti dalla linea ad A nel primo caso; abiti con rouches, volant, applicazioni e volumi strategici nel secondo. Il consiglio in più: meglio optare per scolli orizzontali o a barca e “off the shoulder” per rendere le spalle leggermente più ampie e creare l’illusione di un punto vita più sottile.

little black dress

Ovale o mela. È la figura più sfidante, ma con un punto forte che solo un abito può valorizzare a dovere: le gambe! Date le misure più abbondanti del girovita, meglio optare per abiti tagliati sotto il seno e con scollature a V che aiutano a snellire la figura. Modelli top: abiti stile impero e abiti “a sacchetto”. Il consiglio in più: Un grande SI ai tessuti morbidi che seguono dolcemente le forme del corpo. NO assoluto, invece, ad abiti strutturati o dalle stoffe rigide.

Autore Simona Nasole

Simona Nasole

Consulente d’Immagine e Personal Shopper specializzata allo IED Moda di Milano. Curatrice del sito www.stylecoaching.it

Leggi anche

Chi è l’ostetrica?

Vi siete mai domandati chi è e cosa può fare per voi un’ostetrica? La maggior …