Insalata di speck

Insalata di speck Alto Adige IGP, melone e pinoli

Il caldo è davvero esploso e con lui si è ridotta al minimo la mia voglia di cucinare piatti caldi ed elaborati, così come il tempo di starci dietro: Vera infatti ha cominciato a gattonare e, se prima supervisionarla era più semplice, ora è mooolto più impegnativo!!!

Con questi presupposti il rischio è di optare per piatti pronti, non genuini e pieni di ingredienti di bassa qualità nutrizionale, oppure di aprire il frigorifero e di sbeccolare qualcosa al volo. Sappiamo bene quali ripercussioni avrebbe un pasto del genere, nel giro di 1 ora mi tornerebbe una gran fame, per non parlare dell’esempio sbagliato che darei a mia figlia.

Ecco allora che, usando l’ottimo Speck Alto Adige IGP (www.speck.it), ho deciso di trovare una soluzione pratica, gustosa, completa e salva-cena: l’insalata di speck, melone e pinoli che nulla ha da invidiare al famosissimo crudo e melone, che poi, non è neppure nutrizionalmente un piatto completo ed equilibrato (tzè!).

Come vi ho raccontato in questo articolo, il consumo di salumi non va demonizzato se: 1) si scelgono di qualità; 2) si rispetta la quantità e la frequenza di consumo (come per ogni alimento è l’abuso a far male).

Passiamo allora agli ingredienti di questa insalata di speck, melone e pinoli:

50g Speck Alto Adige IGP
2 fette di melone
20g pinoli
1 fetta di pane integrale
Valeriana
Pomodorini Pachino
Olio Extravergine d’Oliva

Insalata di speck

Per prima cosa tagliate a quadretti il pane e a striscioline lo speck. Fateli dunque cuocere per qualche minuto in padella antiaderente insieme ai pinoli (non c’è bisogno di aggiungere nulla perchè sia l’olio dei pinoli che il grasso dello speck faranno abbrustolire il pane, tostare i pinoli e renderanno croccante lo speck!!).

Ora non vi resterà che comporre l’insalata: per prima cosa mettete la valeriana, poi i pomodorini, infine il melone tagliato a pezzetti, il pane, lo speck e i pinoli. Condite con solo l’olio extravergine d’oliva  (eventualmente limone e aceto), niente sale che è già presente nello speck!

Il piatto è pronto: nutrizionalmente completo grazie alla presenza di carboidrati, proteine, grassi e vitamine.. gustosissimo e super fresco!

Autore Dott.ssa Alessandra Esposito

Biologa Nutrizionista, esperta in nutrizione umana e culinary nutrition. Da Luglio 2013 svolge l’attività professionale presso i suoi studi di Milano, Verona e Vigevano, organizza corsi di educazione alimentare ed è la responsabile del network informativo I Love Foods.

Leggi anche

Burger di sgombro

Burger di sgombro & zucchine con mandorle e pomodorini secchi

E chi l’ha detto che un buon burger possa essere solo di carne? Forse chi …