chia pudding

Colazione con il chia pudding

Se come me siete degli amanti della colazione e vi piace sperimentare continuamente, allora non potete non provare il chia pudding, anche detto budino ai semi di chia che si sposa perfettamente con queste mattine soleggiate di primavera, quando ci si sente un po’ più stanchi per il cambio di stagione!

Ma qual è la peculiarità di questi piccoli semini e perchè dovremmo aggiungerli alla nostra alimentazione?

Sono estremamente ricchi di fibre, acidi grassi “buoni” della serie Omega-3, proteine e presentano anche buoni livelli di minerali come fosforo e calcio e molecole antiossidanti come la quercetina, il canferolo, l’acido caffeico e l’acido clorogenico, che agiscono proteggendo il nostro organismo dai danni cellulari causati dai radicali liberi!

Ecco quali sono i benefici sulla nostra salute:

Aumentano i livelli di Omega-3: i benefici nutrizionali derivati dall’assunzione di cibi contenenti grassi insaturi Omega-3 sono stati riscontrati in diverse patologie ma in particolare nel diabete, in quelle cardiache, nell’artrite e nel cancro;

Migliorano i livelli di zucchero nel sangue: gli studi effettuati sugli animali hanno dimostrato che i semi di chia riducono l’insulino-resistenza e migliorano i livelli di glicemia, entrambi fattori di rischio per lo sviluppo di sindrome metabolica, diabete di tipo 2 e malattie cardiache;

Riducono la pressione sanguigna: la pressione elevata è il maggior fattore di rischio per numerose patologie come l’infarto. Diversi studi hanno evidenziato come il consumo di semi di chia sia utile nel favorire la riduzione della pressione sanguigna in individui che presentano ipertensione arteriosa;

Aumentano l’apporto di fibre: solo 2 cucchiai di semi di chia forniscono 11 grammi di fibre che sono utili a migliorare la salute dell’intestino e a ridurre il rischio di sviluppare diverse patologie, in particolare diabete e tumore del colon-retto. Le fibre, inoltre migliorano il senso di sazietà e sono utili per chi soffre di attacchi di fame nervosa, favorendo in questo modo la regolare perdita di peso;

Mantengono in salute le ossa: l’apporto di calcio dei semi di chia è ottimo, parliamo di 631 mg su 100 g!

Grazie alla loro capacità di assorbire fino a 10 volte il loro peso in acqua, quando mescolerete i semi di chia in un liquido, come il latte vegetale (il mio preferito è quello di mandorla al naturale) e li lascerete riposare tutta la notte in frigorifero, otterrete un budino da colazione ricco di vitamine. Potrete poi sbizzarrirvi nella guarnizione del vostro chia pudding!

Ma ora vediamo bene cosa vi serve e come si prepara questa sfiziosa colazione:

20 g di semi di chia
120 ml di latte vegetale (per me di mandorla al naturale)
1 cucchiaio di sciroppo d’acero o di miele
*guarnizioni a scelta (frutta fresca di stagione, frutta secca, semi oleosi, cocco rapè, cannella, granola, cioccolato fondente..)

In un barattolo o contenitore ermetico unite i semi di chia con il latte vegetale. Mescolate bene, coprite con la pellicola trasparente e trasferite nel frigorifero per tutta la notte.

L’indomani mattina non vi resta che creare la colazione come più preferite, arricchendo il vostro chia pudding. Il mio consiglio (visto che la consistenza del budino è un pochino gelatinosa) è di comporre il vostro bicchiere a strati, in questo modo:

Sul fondo del bicchiere mettete la guarnizione (della frutta frullata ad esempio), poi aggiungete parte del chia pudding e continuate ad alternare i due strati fino alla fine del bicchiere che andrete ad arricchire con ciò che più preferite.

Ecco qualche foto che può stimolarvi nel creare il vostro chia pudding!

chia pudding 

chia pudding 

chia pudding

Potete anche aggiungere un cucchiaino di cacao amaro al vostro chia pudding! 

chia pudding

Photo Credit:
Prana

Health Inspirations
The Bojon Gourmet
Eat Spin Run Repeat
iFoodReal

Autore Dott.ssa Alessandra Esposito

Biologa Nutrizionista, esperta in nutrizione umana e culinary nutrition.

Leggi anche

Panna cotta

Panna cotta ai frutti di bosco

Se dovessi scegliere tra tutti i dolci esistenti, credo proprio che la panna cotta ricadrebbe …